Il Flammkuchen è una specialità davvero sfiziosa della regione dell’Alsazia, una zona situata sul confine orientale francese che confina con Germania e Svizzera.

Ho assaggiato questa golosità per la prima volta in Germania e me ne sono innamorata, tanto che ho voluto replicarla a casa in versione senza glutine.

Il Flammkuchen ricorda una pizza nell’aspetto, con la differenza che è composto da una pasta di pane molto sottile, farcita con una crema a base di panna acida (crème fraîche), cipolla, speck (o pancetta). Purtroppo la crème fraîche in Italia non si trova facilmente, così l’ho sostituita con della panna da cucina ed il risultato è comunque straordinario.

La parte che necessita di maggiore attenzione è la base. Realizzare la pasta di pane glutenfree con una consistenza simile all’originale è complesso… ma non impossibile!

Vi lascio di seguito due alternative: una realizzata con una miscela universale, una con farine naturali senza glutine. A voi la scelta!

Flammkuchen senza glutine

Il Flammkuchen è una specialità davvero sfiziosa della regione dell’Alsazia, una zona situata sul confine orientale francese che confina con Germania e Svizzera.

Tempo di preparazione 1 ora Tempo di cottura 20 min Tempo di riposo 3 ora Tempo totale 4 ore 20 min Difficoltà: Intermedio Temperatura cottura: 230  °C Porzioni/n.persone: 2 Stagione migliore: Adatto tutto l'anno

Ingredienti per 2 persone

Per la pasta con mix universale:

Per la versione con farine naturali:

Per farcire:

Procedimento

Come fare il Flammkuchen senza glutine

  1. Per la versione con mix universale

    Per prima cosa realizzate la base:
    In un pentolino scaldate leggermente l’acqua, quando sarà tiepida unite il lievito e lo zucchero e mescolate per farli sciogliere. Versate la farina in una ciotola e man mano unite il liquido preparato. Impastate con le mani ed incorporate l’olio. Infine, unite il sale. Coprite l’impasto con un canovaccio e lasciatelo a riposare in forno spento con la luce accesa per 2 ore.

  2. Trascorso questo tempo, oliatevi le mani e stendete l’impasto sulla teglia coperta di carta forno dando una forma ovale. Deve essere sottile, circa 2 – 3 mm e con i bordi leggermente più alti. Disponete sopra la panna da cucina, la cipolla tagliata a listarelle e lo speck precedentemente fatto rosolare 2 minuti in padella con un giro d’olio.

  3. Cuocete in forno statico a 230° per circa 15 – 20 minuti.

  4. Per la versione con farine naturali:

    In un pentolino scaldate leggermente 50ml del totale dell’acqua, quando sarà tiepida unite il lievito ed il miele e mescolate per farli sciogliere. Versate tutte le farine, gli amidi e gli addensanti in una ciotola e man mano unite il liquido preparato. Unite poi anche il resto dell’acqua fino ad ottenre un composto molto morbido, infine l’olio ed il sale. Coprite l’impasto con un canovaccio e lasciatelo a riposare in forno spento con la luce accesa per 3 ore.

  5. Trascorso questo tempo, oliatevi le mani e stendete l’impasto sulla teglia coperta di carta forno dando una forma ovale. Deve essere sottile, circa 2 – 3 mm e con i bordi leggermente più alti. Disponete sopra la panna da cucina, la cipolla tagliata a listarelle e lo speck precedentemente fatto rosolare 2 minuti in padella con un giro d’olio.

  6. Cuocete in forno statico a 230° per circa 15 – 20 minuti.

Nota

*Nota: si raccomanda di acquistare i prodotti segnalati con un asterisco* solo se riportano il marchio Spiga Barrata in confezione e/o la dicitura senza glutine e consigliati dal prontuario degli alimenti AIC Associazione Italiana Celiachia.

Parole chiave: Flammkuchen senza glutine

Se ti è piaciuta la mia ricetta condividila!

Se realizzi una mia ricetta, condividila su Instagram e taggami! Sarò felice di ricondividerla! 
Mi trovi su @pasticcerando_senza_glutine

Condivi questa ricetta su Pinterest! 

pinit

Forse ti può anche interessare

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.